Il-corpo-in-cui-sono-nata_La-Nuova-Frontiera

libro  16,90

ebook  10,99

Il corpo in cui sono nata


Mi identificavo completamente nel personaggio della Metamorfosi, che aveva una storia simile alla mia. Anch’io una mattina mi ero svegliata con una vita diversa, un corpo diverso, senza sapere fino in fondo in che cosa mi fossi trasformata. In nessun punto della narrazione si dice chiaramente quale insetto fosse Gregor Samsa, ma io capii quasi subito che si trattava di uno scarafaggio. Lui si era trasformato mentre io lo ero per decreto materno, se non dalla nascita.

Una donna si confronta con la sua infanzia segnata da un problema alla nascita: un neo bianco sulla cornea che l’ha costretta a portare per anni un grosso cerotto sull’occhio sinistro. La bambina, immersa in un universo fatto di suoni nitidi e di immagini sbiadite, sviluppa fin da piccolissima un profondo senso di estraneità nei confronti del mondo che la circonda.
Sullo sfondo, il Messico degli anni Settanta, la scuola Montessori, i figli degli esuli politici e i suoi genitori in una relazione aperta. Ma poi, con gli anni Ottanta, tutto viene spazzato via: 
la famiglia si disgrega, il padre sparisce e la madre vola in Francia per proseguire gli studi lasciando la giovane protagonista, e il fratello, a casa di una nonna un po’ bigotta.
Il corpo in cui sono nata è un commovente romanzo di iniziazione alla vita e alla letteratura, un viaggio a ritroso verso l’accettazione di sé, un Bildungsroman ambientato tra l’America Latina e l’Europa.

Una narrazione incandescente. – Cristina Taglietti, La Lettura

Tra le più geniali e meno convenzionali scrittrici latinoamericane. – Andrea Marcolongo, TuttoLibri

Nettel è uno dei volti più luminosi della letteratura latinoamericana contemporanea. – Valeria Luiselli
I giudizi della stampa
Libri dello stesso autore
Condividi questo libro:
Dal 4 al 21 agosto il nostro magazzino resterà chiuso. Tutti gli ordini effettuati in questo periodo saranno evasi a partire dal 22 agosto.