Cittadinanza in vendita

Cittadinanza in vendita

Dati tecnici

  • Traduzione: Angela Ricci
  • Pagine: 144
  • ISBN: 9788883733185

La cittadinanza – il “diritto ad avere diritti”, come l’ha definita 
Hannah Arendt – è oggigiorno preclusa a milioni di persone sulla terra: profughi, rifugiati, apolidi e altri “illegali”. Per pochi fortunati, al contrario, i passaporti sono dei beni di lusso da collezionare come gli oggetti d’arte, per viaggiare liberamente e pagare meno tasse.
Questo reportage ci mostra com’è cambiato il concetto di “cittadinanza” nell’era delle grandi migrazioni e della privatizzazione degli Stati. Da un lato, gli ultraricchi, che si sono impossessati del titolo di “cittadini del mondo” e sono gli unici a godersi, con i loro capitali, un pianeta senza frontiere. Dall’altro, le nazionalità svendute, come l’inverosimile accordo siglato da uno dei paesi più poveri al mondo, le isole Comore, e gli Emirati Arabi che, per regolare lo status delle popolazioni apolidi ancora presenti sul loro territorio, hanno comprato all’ingrosso migliaia 
di passaporti comoriani.

Altro in questa categoria: « Le ragazze rapite